www.greciaroma.com

Il SENSO GRECO DEL BELLO

Indice dei contenuti

I Greci erano artisti per natura. Possedevano una disposizione squisitamente sensibile all’impressione del bello. Come è stato detto, “la bruttezza li faceva soffrire come una ferita”.

Tutto ciò che essi costruivano, dai santuari per i loro dèi ai più meschini utensili di uso domestico, era bello. La bellezza veniva posta accanto alla santità; anzi, consideravano la bellezza e la rettitudine morale come fossero quasi la stessa cosa. Si dice che ai Greci sembrasse una cosa strana ed eccezionale che Socrate fosse buono, nonostante avesse un aspetto brutto.

Kallos

La prima massima dell’arte greca era la stessa che costituiva il primo principio della morale greca: “Niente di troppo”. L’occhio greco si spegneva di fronte a qualsiasi esagerazione delle parti, a qualsiasi mancanza di simmetria o di proporzione in un oggetto. Le dimensioni di un tempio greco sono perfette. Qualsiasi deviazione dalle misure o dai canoni degli artisti greci si rivelava un allontanamento dall’ideale.

La chiarezza dei contorni era un altro requisito del gusto greco. L’artista greco aveva un’avversione positiva per ogni vaghezza o indistinzione di forma. Si confrontino le linee nette di un tempio greco con quelle vaghe e sempre più sfumate di una cattedrale gotica medievale.

È possibile che la natura stessa abbia insegnato ai greci questi primi principi della loro arte. In Grecia la natura non si spinge mai agli estremi. Le montagne e le isole greche non sono mai troppo grandi. Il clima non è mai eccessivamente freddo né opprimente. La natura sembra aborrire la vaghezza. La singolare trasparenza dell’atmosfera, soprattutto quella dell’Attica, conferisce una notevole chiarezza di contorni a ogni oggetto. Il Partenone, nei suoi tratti netti, sembra modellato sulle colline che si stagliano con tale assoluta nitidezza di forme contro il cielo attico.

(Libera traduzione da “Ancient History, Greece and Rome di Philip Van Ness Meyers, 1901 )

L' architettura dell'antica Grecia ha gettato le basi dell'architettura del mondo occidentale per secoli. In generale, l'arte greca rappresenta una sintesi trasformativa e innovativa delle correnti artistiche della cultura egiziana, mediorientale ed egea . È una cultura antropocentrica che si occupa della creazione di un'arte a misura dell'uomo (" l'uomo è la misura di tutte le cose ". Protagora ). Gli edifici più importanti, i templi , si caratterizzano per la loro grande semplicità con solo un'aula allungata e un portico . Questa semplicità si riflette anche nella sua struttura che era architravata su colonne. I Greci danno a tutti i loro edifici un trattamento armonioso basato sulla ripetizione sistematica di alcuni elementi: la colonna e la trabeazione. La forma e la disposizione di questi presenta un repertorio limitato di varianti che sono i cosiddetti ordini architettonici, o insiemi di colonna (elemento portante) e la sovrastruttura (elemento sostenuto), che si differenziano tra loro per la forma della colonna e del capitello, dalla disposizione delle parti della trabeazione e dalle proporzioni tra le dimensioni di tutti gli elementi.

»

 

POST CORRELATI

IL PIREOIL PIREO

Il porto principale di Atene era Falero , fino a quando Temistocle non lo spostò al Pireo. Poiché il Falero era molto piccolo, Temistocle volle fare del Pireo il porto

LA CABALA GRECALA CABALA GRECA

Nella ricca e affascinante mitologia greca, i numeri assumono un ruolo di primaria importanza, spesso celando significati simbolici e profondi. Tra questi, il numero tre e il numero sette si